Se ha denunciado esta presentación.
Utilizamos tu perfil de LinkedIn y tus datos de actividad para personalizar los anuncios y mostrarte publicidad más relevante. Puedes cambiar tus preferencias de publicidad en cualquier momento.

Prima che si muova la terra..muoviti tu

243 visualizaciones

Publicado el

Lezione per alunni della scuola primaria riguardante il terremoto e le norme di sicurezza

Publicado en: Educación
  • Sé el primero en comentar

Prima che si muova la terra..muoviti tu

  1. 1. Classe: 4° primaria Spazi: aule scolastiche esterni della scuola Tempi: 1/2 mesi, periodo primaverile Discipline coinvolte: geografia, scienze della Terra, italiano, arte e immagine
  2. 2. • Conoscere le caratteristiche del fenomeno • Conoscere il territorio • conoscere le cause e gli effetti del fenomeno • conoscere le norme di comportamento
  3. 3. • analizzare il territorio mediante l’osservazione diretta e indiretta • riconoscere le azioni legate alle norme di comportamento
  4. 4. • Acquisire le norme di comportamento in modo corretto • saper gestire la situazione di pericolo
  5. 5. Il metodo utilizzato è quello della RICERCA-AZIONE: Punto di partenza sarà sviluppare l’aspetto teorico del fenomeno, attraverso l’utilizzo di domande stimolo per coinvolgere il bambino in prima persona, fino a giungere alla conoscenza delle norme da applicare nel caso in cui si verifichi il terremoto. Nella fase finale del progetto, gli alunni saranno coinvolti in una simulazione di pericolo e in attività laboratoriali che prevedono lo svolgimento di prove di verifica per stabilire l’acquisizione di conoscenze.
  6. 6. • Brainstorming • Osservazione Diretta e Indiretta • Lezione frontale con l’ausilio della LIM • cooperative learning • produzione di cartelloni con le norme di comportamento
  7. 7. TERREMOTO (Macroargomento) • Che cos’è? • Da cosa è provocato? • Quanto dura in media? • Come si misurano i terremoti? • Che tipi di terremoti esistono? • L’ Italia è un paese a elevato rischio sismico? •Come comportarsi in caso di terremoto
  8. 8. • SAPETE COS’è UN TERREMOTO? • NE AVETE MAI SENTITO UNO? • SAPETE COME CI SI COMPORTA IN CASO DI TERREMOTO??
  9. 9. Il terremoto è un fenomeno naturale ed è un rapido e improvviso scuotimento della crosta terrestre. Si verifica quando le onde sismiche da una zona nella profondità della Terra giungono in superficie e si propagano in tutte le direzioni (come quando si lancia un sasso nello stagno).
  10. 10. Il terremoto è provocato dai movimenti delle zolle in cui è suddivisa la Terra. Le zolle si allontanano, si scontrano, scorrono una di fianco all’altra. L’energia accumulata si libera e avviene il terremoto. I terremoti possono avvenire in qualunque momento, perché si originano in profondità e sono indipendenti da quello che avviene sulla superficie terrestre.
  11. 11. Le onde sismiche, che si propagano nel terreno, si avvertono in superficie come scosse, che vengono definite sussultorie o ondulatorie, secondo che prevalga nel movimento la componente verticale o quella orizzontale. La durata delle oscillazioni avvertite dall’uomo non supera, quasi mai, il minuto ed, in media, le oscillazioni più forti durano poche decine di secondi. Un terremoto, soprattutto se forte, non si manifesta con una sola scossa ma con una sequenza di scosse. Alla scossa principale generalmente seguono nel tempo scosse di magnitudo sempre più bassa.
  12. 12. Il terremoto può essere “misurato” attraverso strumenti scientifici chiamati sismografi. Per definire la forza di un terremoto vengono utilizzate due scale di misurazione:
  13. 13. •la scala Richter: permette di misurare la quantità di energia sprigionata da un terremoto, chiamata “magnitudo”. • la scala Mercalli: attribuisce l’intensità del terremoto in base all’osservazione dei suoi effetti sull’uomo, sugli edifici e sull’ambiente.
  14. 14. • TETTONICI: sono i più frequenti e sono dovuti alla brusca liberazione dell'energia meccanica accumulata nella crosta terrestre; • VULCANICI: precedono e accompagnano le eruzioni vulcaniche, hanno carattere locale e, in genere sono di minore intensità; • DI CROLLO: sono i meno frequenti e quelli più locali e superficiali.
  15. 15. L’Italia è un Paese ad elevata sismicità, per la frequenza e l’intensità dei terremoti che la interessano, ed ha un patrimonio edilizio vulnerabile, poiché vecchio e spesso costruito senza criteri antisismici. Inoltre il valore inestimabile dei suoi monumenti ed i numerosi luoghi d’arte rendono elevata l’esposizione sismica del suo territorio.
  16. 16. • mantenere la calma; • non precipitarsi fuori; • ripararsi sotto un tavolo, sotto l’architrave della porta o vicino ai muri portanti; • allontanarsi da finestre, porte con vetri, armadi che rompendosi o cadendo potrebbero procurare ferite; • dopo il terremoto abbandonare l’edificio, senza usare l’ascensore, attraverso le uscite di sicurezza, se disponibili.
  17. 17. • mantenere la calma; • dirigersi verso spazi aperti, allontanandosi da tutti gli edifici; • stare lontani da pali e linee elettriche, perché potrebbero cadere; • se ci si trova su un marciapiede, stare attenti al crollo di cornicioni o balconi e alla caduta di vasi e insegne, riparandosi, se possibile, sotto l’architrave di un portone.
  18. 18. • mantenere la calma; • rallentare e fermarsi ai bordi della strada, ma non nei sottopassaggi; • restare lontani da cavalcavia, ponti e cavi elettrici; • attendere in auto la fine delle scosse.
  19. 19. CONSEGNA: si chiederà ai bambini di effettuare una breve riflessione sulle lezioni svolte. Successivamente l’insegnante proporrà ai bambini di svolgere un lavoro di gruppo. I bambini verranno suddivisi in 4 gruppi. A ciascun gruppo, l’insegnante darà delle tessere che riproducono delle azioni giuste/sbagliate da mettere in atto in caso di terremoto. Un volta ricevute le tessere, ciascun bambino le analizza e insieme con gli altri componenti del gruppo, dovranno collocarle su un cartellone che verrà successivamente posto sulle pareti dell’aula. MATERIALI: cartellone, colla, forbici, colori.
  20. 20. NON DOVENDO UTILIZZARE L'ALLARME ACUSTICO, PER DARE INIZIO ALLA PROVA, LE CLASSI SARANNO AVVISATE A VOCE O CON IL SISTEMA DI ALTOPARLANTI. AL MESSAGGIO "INIZIO ESERCITAZIONE TERREMOTO" GLI ALLIEVI E GLI INSEGNANTI DOVRANNO PORTARSI SOTTO I BANCHI (CATTEDRA O ARCHITRAVE PER GLI ADULTI). SI RESTERÀ IN TALE POSIZIONE IN ATTESA DEL SEGNALE DI EVACUAZIONE. AL SEGNALE DI EVACUAZIONE (SUONO DELL’ALLARME SE PRESENTE O DELLA CAMPANELLA) GLI INSEGNANTI DOVRANNO: ● PREPARARE LA CLASSE ALL'EVACUAZIONE ORDINANDO GLI ALUNNI IN FILA; ● CONTARE GLI ALUNNI PRESENTI E PRENDERE IL REGISTRO DI CLASSE ● VERIFICARE CHE NON SIANO RIMASTE PERSONE NELL'AULA, CHIUDERE LA PORTA DEL LOCALE, METTERSI ALLA TESTA DELLA CLASSE (NEL CASO IN CUI SIA IMMEDIATAMENTE RILEVATA L'ASSENZA DI UN ALUNNO, USCITI DALL’AULA, IL DOCENTE RESPONSABILE DI CLASSE COMUNICA LA NOTIZIA AL COORDINATORE DELL'EMERGENZA O ALLA SQUADRA DI EMERGENZA); ● ACCERTARE CHE LE VIE DI FUGA SIANO SGOMBRE;
  21. 21. ● NEL PORTARSI ALL'ESTERNO DELL'EDIFICIO SCOLASTICO BISOGNA RESTARE SEMPRE LONTANI DA FINESTRE O PORTE CON VETRI; LUNGO LE SCALE COSTEGGIARE INVECE LE PARETI; ●NEL CASO DI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP PERMANENTE, GLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO SI PRENDERANNO CURA DEGLI STESSI PER LA LORO EVACUAZIONE. TROVANDOSI FUORI DALLE SEZIONI/AULE DOVRANNO RAGGIUNGERE LA ZONA DI SICUREZZA. ●IN ASSENZA DELL’INSEGNANTE DI SOSTEGNO O NEL CASO DI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP TEMPORANEO, L’INSEGNANTE DELLA CLASSE AFFIDERA’ L’ALUNNO ALL’ADDETTO ALL’EVACUAZIONE PRESENTE AL PIANO; ● LASCIARE L'EDIFICIO PORTANDOSI NEL PUNTO DI RACCOLTA. ●GLI INSEGNANTI RAGGIUNTO IL PUNTO DI RACCOLTA DOVRANNO: COMPILARE IL MODULO DI EVACUAZIONE E CONSEGNARLO IMMEDIATAMENTE AL RESPONSABILE DELL'AREA DI RACCOLTA.
  22. 22. 1 TI È MAI CAPITATO… 1.1 Ti è mai capitato di vivere l’esperienza di un terremoto?  Sì  No Se hai risposto no, puoi passare al blocco di domande 2 1.2 Se hai risposto sì, ti ricordi in quale città e quando è successo ? CITTÀ________________________DATA_______________________ 1.3 Dove ti trovavi? (barra una sola risposta)  a scuola  in casa  all’interno di un altro edificio  all’aperto  altro ______________________________ 1.4 Che reazione hai avuto? (puoi barrare più risposte)  paura  confusione  indifferenza  mi sono precipitato fuori dall’edificio  sono rimasto immobile  altro_______________________________
  23. 23. 2 SE LA TERRA TREMA MENTRE SEI IN CLASSE 2.1 Se si verifica una scossa di terremoto mentre sei a scuola, qual è il comportamento corretto da tenere?  mi allontano dalle finestre, dall’armadio, dalla lavagna  mi metto al centro della stanza  mi precipito di corsa fuori dalla classe  chiedo aiuto  mi riparo sotto il banco o nel vano di una porta  altro____________________________ 2.2 Dopo la scossa, che fai?  seguo le istruzioni del mio insegnante  ritorno a sedere al mio posto  di corsa esco dall’edificio senza badare agli altri  mi preoccupo di recuperare i miei libri, i miei oggetti  aiuto i compagni in difficoltà  altro_____________________________ 2.3 Hai mai partecipato alle prove di evacuazione nella tua scuola?  Sì No 2.4 Se si, per quale rischio?  rischio sismico  rischio incendio  rischio idrogeologico (alluvione, frane, ecc.)  rischio industriale  altro__________________
  24. 24. 3 SE LA TERRA TREMA MENTRE SEI IN CASA 3.1 Pensi che la tua casa sia sicura se arriva una scossa di terremoto? _____________________________________________ 3.2 Se si, perché?  è stata costruita da poco  è stata ristrutturata e rafforzata  è in cemento armato  è stata costruita per resistere al terremoto  altro_______________________ 3.3 Se la tua casa si trova in una zona sismica, cosa si può fare per essere più sicuri all’ interno?  fissare al muro librerie, armadi e credenze  comperare caschi protettivi per tutta la famiglia  evitare di tenere oggetti pesanti su scaffali o mobili alti  non si può fare nulla  altro________________________ 3.4 Hai in casa un kit per l’emergenza da portare dietro nel caso la tua famiglia debba lasciare improvvisamente l’abitazione? ___________________________________ 3.5 Cosa deve contenere un kit di emergenza?  cassetta di pronto soccorso, torcia elettrica, radio a pile, estintore  casco per ciascun componente della famiglia  indumenti, coperte, candele  non so
  25. 25. 4 COSA SAI SUL TERREMOTO? 4.1 È possibile prevedere dove e quando si verificherà un terremoto?  sì, attraverso il sismografo  si, osservando gli animali, perché avvertono il pericolo in anticipo  no, si può solo determinare la pericolosità di una zona  non so 4.2 È vero che i terremoti avvengono sempre nelle stesse zone?  si, i terremoti tendono a colpire sempre le stesse zone ma non si può sapere con precisione quando e con che intensità  no, i terremoti colpiscono sempre zone diverse  tutto è legato al caso, possono interessare nuove zone o zone già colpite  non so 4.3 Qual è il pericolo più frequente in caso di terremoti ?  finire in una voragine del terreno  essere colpiti da oggetti che cadono  perdere l’equilibrio  essere coinvolti nel crollo della casa  non so
  26. 26. SE TI È CAPITATO DI VIVERE IN PRIMA PERSONA L’ESPERIENZA DI UN TERREMOTO PROVA A RACCONTARLA… _____________________________________________________________________ _____________________________________________________________________ _____________________________________________________________________ _____________________________________________________________________ _____________________________________________________________________ _____________________________________________________________________ _____________________________________________________________________ _____________________________________________________________________ _____________________________________________________________________ _____________________________________________________________________ _____________________________________________________________________

×