Se ha denunciado esta presentación.
Utilizamos tu perfil de LinkedIn y tus datos de actividad para personalizar los anuncios y mostrarte publicidad más relevante. Puedes cambiar tus preferencias de publicidad en cualquier momento.

Agenda Digitale. Una storia italiana (ver.2)

1.708 visualizaciones

Publicado el

Slides di accompagnamento al seminario Università di Udine sul tema delle dimensioni Europea, Italiana e locale delle agende digitali
(Versione aggiornata)

  • DOWNLOAD THAT BOOKS INTO AVAILABLE FORMAT (2019 Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { http://bit.ly/2m6jJ5M } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { http://bit.ly/2m6jJ5M } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { http://bit.ly/2m6jJ5M } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { http://bit.ly/2m6jJ5M } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { http://bit.ly/2m6jJ5M } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { http://bit.ly/2m6jJ5M } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book that can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer that is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBooks .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, Cookbooks, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, Ebooks, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story That Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money That the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths that Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Responder 
    ¿Estás seguro?    No
    Tu mensaje aparecerá aquí
  • DOWNLOAD THAT BOOKS INTO AVAILABLE FORMAT (2019 Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { http://bit.ly/2m6jJ5M } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { http://bit.ly/2m6jJ5M } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { http://bit.ly/2m6jJ5M } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { http://bit.ly/2m6jJ5M } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { http://bit.ly/2m6jJ5M } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { http://bit.ly/2m6jJ5M } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book that can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer that is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBooks .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, Cookbooks, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, Ebooks, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story That Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money That the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths that Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Responder 
    ¿Estás seguro?    No
    Tu mensaje aparecerá aquí

Agenda Digitale. Una storia italiana (ver.2)

  1. 1. #agendadigitale by @webeconoscenza una storia italiana
  2. 2. https://it.wikipedia.org/wiki/Agenda_digitale/ #agendadigitale
  3. 3. #agendadigitale
  4. 4. #agendadigitale http://italiani.digital/categorie/agenda-digitale/
  5. 5. Un po’ di storia - 2000 2000 - Strategia di Lisbona (per la prima volta si trattano i temi della conoscenza come valore imprescindibile per lo sviluppo): • innovazione e imprenditorialità, • riforma del welfare e inclusione sociale, • capitale umano e riqualificazione del lavoro, • uguali opportunità per il lavoro femminile, • liberalizzazione dei mercati del lavoro e dei prodotti, • sviluppo sostenibile. L'obiettivo espressamente dichiarato è quello di far diventare l'Unione Europea la più competitiva e dinamica economia mondiale basata sulla conoscenza, entro il 2010.
  6. 6. Un po’ di storia- 2002 2002 – Piano di azione eEurope 2002 (prosegue sullo slancio di Lisbona e definisce tre obiettivi): • Internet meno costoso, più rapido e sicuro • investire nelle persone e nelle competenze; • stimolare l'uso di Internet. http://europa.eu/legislation_summaries/inf ormation_society/strategies/l24226a_it.htm
  7. 7. Successive basi giuridiche. Il Trattato sul funzionamento della UE del 2007 non contiene disposizioni speciali per le TIC, ma al suo interno si sono definite azioni nel quadro delle politiche settoriali e/o orizzontali (elementi chiave per un'Europa digitale): • politica industriale (articolo 173 del TFUE); • politica della concorrenza (articoli 101-109 del TFUE); • politica commerciale (articoli 206-207 del TFUE); • reti transeuropee (RTE) (articoli 170-172 del TFUE); • ricerca e sviluppo tecnologico e spazio (articoli 179-190 del TFUE); • ravvicinamento delle legislazioni (articolo 114 del TFUE); • libera circolazione delle merci (articoli 28, 30 e 34-35 del TFUE); • libera circolazione delle persone, dei servizi e dei capitali (articoli 45-66 del TFUE); istruzione; • formazione professionale, gioventù e sport (articoli 165-166 del TFUE); • cultura (articolo 167 del TFUE). Un po’ di storia - 2007 http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/?uri=CELEX:12012E/TXT/
  8. 8. Un po’ di storia - 2010 2010 - Strategia Europa 2020 ‘È la strategia decennale per la crescita e l'occupazione che l'Unione europea ha varato nel 2010. Non mira soltanto a superare la crisi dalla quale le economie di molti paesi stanno ora gradualmente uscendo, ma vuole anche colmare le lacune del nostro modello di crescita e creare le condizioni per una crescita più intelligente, sostenibile e solidale.’ Fra i 5 obbiettivi troviamo: • Occupazione; • Ricerca e sviluppo; • Cambiamenti climatici e sostenibilità energetica; • Istruzione; • Lotta alla povertà e all'emarginazione.
  9. 9. Un po’ di storia - 2010 la Digital Agenda for Europe è una delle 7 iniziative faro di Europa 2020: http://europa.eu/legislation_summaries/employmen t_and_social_policy/eu2020/em0028_it.htm/ e dunque, elemento fondante per la CRESCITA: • http://ec.europa.eu/digital-agenda/ e i sette pilastri che la sostengono, sono: 1. Digital single market 2. Interoperability and standards 3. Trust and security 4. Fast and ultra-fast internet access, 5. Research and innovation, 6. Enhancing digital literacy, skills and inclusion, 7. Ict enabled benefits for EU society
  10. 10. I sette pilastri europei http://italiani.digital/domande/che-impegni-si-e-data-leuropa-ambito-di-agenda-digitale/
  11. 11. Un po’ di storia - Digital Agenda Scoreboard http://ec.europa.eu/digital-agenda/en/digital-agenda-scoreboard/ How digital is your country?
  12. 12. La road map italiana
  13. 13. Giugno 2000 - Bassanini Piano d’azione per l’eGovernment http://www.interlex.it/attualit/egovsint.htm/ • Migliorare l'efficienza operativa interna delle Amministrazioni. • Offrire ai cittadini e alle imprese servizi integrati e non più frammentati secondo le competenze dei singoli enti di governo • Garantire a tutti l'accesso telematico alle informazioni e ai servizi erogati dalle pubbliche amministrazioni.
  14. 14. 2005 - CAD Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 (più volte rivisto e integrato) http://www.funzionepubblica.gov.it/lazione-del-ministro/linee-guida-siti-web- pa/indice/cap1-destinatari-e-normativa/principi-della-amministrazione-digitale.aspx/ • Documento informatico e firme elettroniche; pagamenti, libri e scritture • Formazione, gestione e conservazione dei documenti informatici • Trasmissione informatica dei documenti • Dati delle pubbliche amministrazioni e servizi in rete • Sviluppo, acquisizione e riuso di sistemi informatici nelle pubbliche amministrazioni • Regole tecniche • Sistema pubblico di connettività e rete internazionale della pubblica amministrazione
  15. 15. 2007 – Piano eGov di Nicolais 1-Migliorare l'efficienza della pubblica amministrazione 2-Realizzare l'interoperabilità e la piena cooperazione fra le amministrazioni 3-Migliorare la trsperenza della spesa pubblica 4-Costruire la cittadinanza digitale 5-Un approccio sistemico per l'efficacia e l'efficenza nella PA 6-Favorire la competitività delle imprese e la crescita dell'industria del software 7-Rendere l'Italia protagonista del processo di innovazione amministrativa in Europa
  16. 16. 2008 – Regole tecniche SPC CNIPA: Centro nazionale per l'informatica nella pubblica amministrazione
  17. 17. 2010 - NUOVO CAD (Brunetta) Decreto Legislativo 235 del 30 Dicembre 2100 http://ita.calameo.com/read/004277038eede1315fc83/
  18. 18. 2010 - NUOVO CAD (Brunetta) http://ita.calameo.com/read/004277038eede1315fc83/
  19. 19. 2010 - NUOVO CAD (Brunetta)
  20. 20. Gennaio 2011- Il dibattito http://www.agendadigitale.org/
  21. 21. Gennaio 2011 - Il dibattito http://www.agendadigitale.org/
  22. 22. Dicembre 2011 - Consultazione Dal 15 dicembre 2011 al 15 gennaio 2012, presso il Ministero dello sviluppo economico si è svolta la consultazione pubblica relativa al “Progetto Strategico Agenda Digitale Italiana: implementare le infrastrutture di rete. Caratteristiche e modalità attuative”, indirizzata a tutti gli stakeholders istituzionali e privati.
  23. 23. 2012 – 2013 Piano Banda Larga MISE: Si tratta di un progetto ambizioso che entro il 2013 consentirà agli 8,5 milioni d’italiani – che a fine 2008 si trovavano ancora nelle condizioni di divario digitale – di usufruire di una moderna infrastruttura di telecomunicazioni rilanciando l’economia del Paese, poiché i benefici di questi investimenti hanno dirette ricadute su cittadini e imprese. http://tinyurl.com/bandalarga-primo/
  24. 24. Marzo 2012 – finalmente ADI http://ita.calameo.com/books/004277038d9d82425dad4/ L’ Agenda Digitale Italiana (ADI) è stata istituita formalmente il primo marzo del 2012 a seguito del Decreto legge n. 5 del 9 feb. 2012 a cura del Ministro dello Sviluppo di concerto con quelli della Pubblica amministrazione e semplificazione. Stiamo parlando di Passera, Patroni Griffi, Profumo, e Monti e del Decreto Semplificazioni.
  25. 25. Marzo 2012 – finalmente ADI Decreto legge n. 5 del 9 febb. 2012 Capo I Norme in materia di agenda digitale e sviluppo dei settori della innovazione, …. Favorire lo sviluppo di domanda e offerta di servizi digitali innovativi; Incentivare cittadini e imprese all’utilizzo di servizi digitali; Promuovere la crescita di capacità industriali adeguate a sostenere lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi; Potenziare l’offerta di connettività a larga banda.
  26. 26. Marzo 2012 - La cabina di regia http://europa.formez.it/sites/all/files/agendadigitale.pdf
  27. 27. Marzo 2012 - La cabina di regia http://europa.formez.it/sites/all/files/agendadigitale.pdf 6 Obiettivi: • Banda larga: copertura in banda larga di base a tutti gli italiani entro il 2013 e ultralarga entro il 2020, secondo gli obiettivi indicati dalla Ue; • Smart communitiy: lo sviluppo di smart grid, telecontrollo del territorio, servizi innovativi per la gestione del traffico, eHealth; • eCommerce: defiscalizzazione del commercio online; • eGov e open data: concepire una Rete dell'Amministrazione pubblica in cui il cittadino possa usufruire dei servizi pubblici; • Ricerca e Innovazione; • Alfabetizzazione informatica.
  28. 28. Marzo 2012 - La cabina di regia
  29. 29. Aprile 2012 – Task force Start-Up Aprile: Nomina componenti Task force Maggio: Open Day per raccogliere proposte Settembre: Presentazione rapporto ‘Restart Italia’ Obiettivo: Decreto Italia Start-Up (Passera)
  30. 30. Aprile 2012 – ADI è legge http://ita.calameo.com/read/0042770386451262a6308/
  31. 31. Aprile 2012 – ADI è legge http://ita.calameo.com/read/0042770386451262a6308/ a) Realizzazione delle infrastrutture tecnologiche e immateriali al servizio delle "comunita' intelligenti”; b) Promozione del paradigma dei dati aperti; c) Potenziamento delle applicazioni di amministrazione digitale per il miglioramento dei servizi ai cittadini e alle imprese; d) Promozione della diffusione e del controllo di architetture di cloud computing per le attivita' e i servizi delle pubbliche amministrazioni; e) Utilizzazione degli acquisti pubblici innovativi e degli appalti pre-commerciali; f) Infrastrutturazione per favorire l'accesso alla rete internet in grandi spazi pubblici collettivi; g) Investimento nelle tecnologie digitali per il sistema scolastico e universitario.
  32. 32. Maggio 2012 – Consultazione pubblica http://adi.ideascale.com/
  33. 33. Giugno 2012 - Agid Con il Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83: ‘Misure urgenti per la crescita del Paese‘, è stata istituita l’Agenzia per l’Italia Digitale con il compito operativo di portare avanti gli obiettivi definiti con la strategia italiana dalla Cabina di regia, monitorando l'attuazione dei piani di ICT delle pubbliche amministrazioni e promuovendone annualmente di nuovi, in linea con l’Agenda digitale europea. http://www.agid.gov.it/agid/quadro-normativo/
  34. 34. Giugno 2012 - Agid
  35. 35. Ottobre 2012 – l’ Agid di Ragosa
  36. 36. Ottobre 2012 – l’ Agid di Ragosa Ragosa, voluto da Passera, dipende di fatto da 4 ministeri. Affida alla Fondazione Bordoni l’appalto per il censimento dei CED della Pubblica Amministrazione e l'elaborazione di linee guida per la loro razionalizzazione. I suoi mantra sono: Cloud Data center
  37. 37. Ottobre 2012 – Crescita 2.0 Le misure per l’applicazione dell’ADI sono state pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale con il Decreto legge del 18 ottobre (n. 179), cosiddetto “Decreto crescita 2.0” http://www.ilpost.it/2012/10/05/il-nuovo-decreto-crescita-in-20-punti-brevi/
  38. 38. Ottobre 2012 – Crescita 2.0 http://www.governo.it/Presidente/Comunicati/dettaglio.asp?d=69362/
  39. 39. Dicembre 2012 – Crescita 2.0 è legge ANPR Domicilio Digitale del cittadino Dati aperti Fascicolo sanitario elettronico Pagamenti elettronici Bollo telematico Start-Up
  40. 40. Giugno 2013 – Fare Con il Decreto Legge 21 giugno 2013, n. 69, il Governo ha rivisto la strategia dell'Agenda e il ruolo della ‘Cabina di Regia’ con l'istituzione di un "Tavolo permanente composto da esperti” http://www.altalex.com/index.php?idnot=63374/
  41. 41. Giugno 2013 – Fare Nuova governance con Cabina di Regia, Tavolo permanente e Agid Domicilio digitale: all’atto della richiesta della carta d’identità elettronica o del documento unificato, il cittadino potrà chiedere una casella di posta elettronica certificata; Razionalizzazione dei Centri elaborazione dati (CED); Fascicolo sanitario elettronico (FSE): le regioni e le province autonome dovranno presentare il piano di progetto del FSE all’Agenzia per l’Italia digitale entro il 31 dicembre 2013. WiFi libero da autenticazione http://www.governo.it/Governo/ConsiglioMinistri/dettaglio.asp?d=71680/
  42. 42. Giugno 2013 – Fare Letta annuncia che Francesco Caio è il Commissario per l’attuazione dell’agenda digitale, (d’ora in poi ‘MISTER AGENDA DIGITALE’) quindi a capo della ‘Unità di missione’ istituita con DPCM 30 Sett. 2013. http://www.governo.it/AmministrazioneTrasparente/DisposizioniGenerali/AttiGenerali/Or dinamentoPCM/OrganizzazioneInterna/DPCM_20130930_NucleoAgendaDigitale.pdf/
  43. 43. 2013 – Roadmap di Caio Anagrafe unica digitale Sistema pubblico di identità digitale Fatturazione elettronica Commento De Biase: ‘C’è una miriade di soggetti coinvolti in vari aspetti dell’agenda digitale che dipendevano da vari ministeri e autorità, il cui lavoro mancava di coordinamento. Letta ha deciso di affidare a Caio la definizione di una forma di coordinamento: applica la sua capacità di manager, senza esautorare nessuno ma proprio per valorizzare il lavoro di tutti. I cosiddetti esperti danno una mano a capire i vari argomenti e a gestire le riunioni necessarie al coordinamento. Caio ha pensato di esemplificare la governance necessaria puntando su tre progetti già avviati e che hanno cominciato a marciare più speditamente: anagrafe, identità, fatturazione elettronica. Se ne andrà tra qualche mese’.
  44. 44. 2013/2014 - Coabitazione http://www.webnews.it/2014/03/18/francesco-caio-decreto/
  45. 45. 2013/2014 – Risultati Caio Indagine sulla banda larga con aiuto di Gerard Pogorel e Scott Marcus (http://www.governo.it/backoffice/allegati/74621-9209.pdf) http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/02/17/carrozzone-agenda-digitale-il- commissario-che-doveva-innovare-litalia-se-ne-va/880037/
  46. 46. Giugno 2014 – Dimissioni Ragosa Unico risultato vero il Piano per le competenze Digitali: http://ita.calameo.com/read/0042770384413f59017e7/
  47. 47. Giugno 2014 – Decreto semplificazioni Decreto Legge 90 del 24 giugno 2014 - Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa: http://www.funzionepubblica.gov.it/si/agendasemplificazione/2015---2017.aspx/
  48. 48. Giugno 2014 – Decreto semplificazioni Art. 24 - Agenda della semplificazione amministrativa e moduli standard Entro il 31 ottobre 2014, il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione, previa intesa con la Conferenza unificata di cui all'art. 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, approva l'Agenda per la semplificazione per il triennio 2015-2017, concernente le linee di indirizzo condivise tra Stato, regioni, province autonome e autonomie locali e il cronoprogramma per la loro attuazione.
  49. 49. 2014 – La squadra di Renzi Renzi Barberis: Consigliere per l’innovazione Guerra: Consigliere strategico per esaminare Ilva, agenda digitale e sistema bancario Tiscar : Vice Segretario Generale di Palazzo Chigi con delega alla Banda Larga e ultra larga Luna: Digital Champion Madia Coppola: Consigliere e Presidente tavolo permanente per l'innovazione e l'agenda digitale italiana Poggiani: Direttore Agenzia per l’Italia Digitale Quintarelli: Presidente del Comitato di Indirizzo Agid
  50. 50. Piano Bul e Piano crescita http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/crescita_digitale/
  51. 51. Piano BUL Si punta a raggiungere il minimo degli obiettivi previsti dall'Agenda Digitale Europea, arrivando a coprire almeno il 50 per cento della popolazione italiana con la banda ultra larga con velocità fino a 100 Mbps entro il 2020, mentre il restante 50 per cento dovrà essere raggiunto da una connessione veloce fino a 30 Mbps. http://www.agid.gov.it/sites/default/files/presentazioni/strategiabulpresentazione.pdf
  52. 52. Piano BUL
  53. 53. Piano crescita Presentato alle Regioni per integrazioni (POR) Poi agli stakeholder privati Infine consultazione: http://commenta.formez.it/ ch/crescita_digitale/
  54. 54. Piano crescita – Italia Login Un luogo unico dove il cittadino con il suo profilo unico: Ogni amministrazione pubblica dovrà portare i propri servizi all’interno di questa “casa” on-line del cittadino. riceve e invia tutte le comunicazioni con le PA e ne conserva lo storico accede a tutti i servizi via via disponibili riceve avvisi di scadenze, effettua e riceve versamenti e ne conserva lo storico archivia i propri documenti interagisce con l’anagrafe digitale esprime valutazioni su servizi e fornisce feedback e suggerimenti partecipa alla vita democratica
  55. 55. Piano Competenze Digitali http://www.agid.gov.it/notizie/2015/01/09/competenze-digitali-consultazione-aperta-il-piano-dazione/
  56. 56. ADI – Osservatorio normativo http://www.senato.it/leg17/2971?voce_sommario=103/ LENTE DI INGRANDIMENTO, dossier in tema di monitoraggio sugli adempimenti previsti, ed effettuati, delle leggi approvate.
  57. 57. Riccardo Luna e i D.C. http://ec.europa.eu/digital-agenda/en/digital-champions/
  58. 58. AD going local http://ec.europa.eu/digital-agenda/en/going-local-2013/
  59. 59. Agende regionali http://www.agid.gov.it/sites/default/files/documenti_indirizzo/20140715_agire_le_agend e_digitali_per_la_crescita_v1.0-2.pdf/
  60. 60. Agende regionali Leggiamo dal sito Agid: http://www.agid.gov.it/agenda-digitale/agenda-digitale-italiana ‘Con il contributo della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome (http://www.statoregioni.it/ ), la strategia italiana è stata elaborata enfatizzando la complementarietà tra il livello nazionale e quello regionale, nonché l’integrazione tra le stesse iniziative regionali’. http://www.regioni.it/newsletter/n-2673/del-02-03-2015/posizione-su-crescita-digitale-e- strategia-banda-ultra-larga-2014-20-13599/
  61. 61. Agende digitali regionali Storia: - Condizionalità ex-ante - Barca (coesione) - Adp - Gruppo Cresita CISIS - Agid e Presidenza CdM per coerenza due Piani Opportunità: - POR 2007-2013 - POR 2014-2020 - FONDO COESIONE - VARI PON (o PON DEDICATO) Problemi: - Execution - Switch-off - Deploy
  62. 62. Agende digitali regionali
  63. 63. Agenda Digitale Locale L’Agenda Digitale Locale (ADL) è uno strumento politico programmatico e di pianificazione approvato nel Novembre 2005 durante il II Summit Mondiale di Bilbao sulla Società dell’Informazione delle Città e dei Governi Locali, per combattere il divario digitale e per assicurare che tutte le popolazioni nel mondo possano usufruire dei benefici generati dalla Società dell’Informazione. L’Agenda è principalmente indirizzata alle pubbliche amministrazioni locali e regionali che sono quelli in grado di vivacizzare questo processo mondiale di eInclusion (inclusione digitale).
  64. 64. Agenda Digitale Locale L’Agenda Digitale Locale (ADL) fu anche proposta in occasione di una conferenza della rete europea degli enti locali e regionali ELANET (European Local Authorities Network for the Information Society) a Cracovia: http://www.elanet.org/eisco/eisco- 2005/final-declaration/ La Dichiarazione di Cracovia divenne la risposta dei municipi alla strategia i2010 dell’Unione Europea. La Dichiarazione stabili 10 obiettivi nel campo dell’eGovernment e dell’eInclusion da raggiungere entro il 2010.
  65. 65. Agenda Digitale Locale Il primo obiettivo dell’ADL è il potenziamento della capacità dei Comuni, soprattutto medio piccoli, di sfruttare le TIC per migliorare il rapporto di servizio con i cittadini. (www.eisco2005.org)
  66. 66. Agenda Digitale Locale - il progressivo utilizzo delle tecnologie digitali nei diversi uffici dell’ente locale - Il progressivo switch-off nei rapporti con i cittadini e le imprese; - la presenza di un portale web interattivo, in grado di comunicare - La presenza di servizi web a favore dei diversi soggetti presenti sul territorio; - lo sviluppo e l’adesione a reti locali con altri enti ed organizzazioni, al fine di raggiungere L’ADL è quindi uno strumento politico-programmatico finalizzato alla modernizzazione della P.A. locale mediante:
  67. 67. Agenda Digitale Locale
  68. 68. Agenda Digitale Locale
  69. 69. Agenda Digitale Locale http://openurbe.comune.re.it/
  70. 70. Agenda Digitale Locale http://iperbole2020.comune.bologna.it/agenda-digitale/
  71. 71. Perché E.R.? http://digitale.regione.emilia-romagna.it/piter/doc/piter-2011-2013/linea-guida-2/madler- modello-partecipato-per-agende-digitali-locali-in-emilia-romagna/
  72. 72. La gestione del processo Fase 1: il benchmarking, ovvero migliorarsi grazie al confronto (interno ed esterno). Buona pratica: Regione E.R. : http://www.regione.emilia- romagna.it/urp/allegati/benchmarking-della-societa-dell2019informazione-in-emilia- romagna
  73. 73. La gestione del processo Fase 2: il confronto interno Importante verificare la sostenibilità interna dell’intero processo. Quale struttura, o più strutture, governeranno il processo? Attenzione!!!!! Digitale è trasversale alle strutture, quindi decisione sulla governance diventa molto importante. Disponibilità fondi, personale, competenze, ecc. Ce li abbiamo?
  74. 74. La gestione del processo Fase 3: il confronto esterno Roadshow, ideario, tavolo partenariato, ass.ni categoria, ONG, Digital Champions, ecc. Dobbiamo pensare a un modello di confronto analogico/digitale a tappe, possibilmente muovendoci sul territorio o inserendoci in eventi già programmati. Inoltre grande flusso comunicativo sui social e sui magazine digitali .
  75. 75. La gestione del processo Fase 4: la prima stesura Dare struttura al documento grazie agli elementi raccolti: - Benchmarking - Startegia europea, nazionale e regionale - Sostenibilità interna - Proposte dall’esterno - Coerenza con Piani Nazionali
  76. 76. La gestione del processo Fase 5: Il contributo degli esperti Gli esperti aiutano a definire meglio i contesti, le eventuali traiettorie e soprattutto le azioni da sviluppare. Essendo competenti portano anche elementi scientifici a supporto della sostenibilità complessiva.
  77. 77. La gestione del processo Fase 6: Il commitment politico Il documento diventa strategia politica. Questa è la prima stesura, dove l’istituzione si impegna a definire una strategia e approva i risultati sotto forma di ‘linee guida’, non di ‘piano’. In pratica in questa fase si approva la proposta da mandare in consultazione.
  78. 78. La gestione del processo Fase 7: Apertura alle osservazioni pubbliche Questa è la fase di apertura alle osservazioni E’ quello che vi aspettavate? Potete emendarlo per migliorarlo? Si scelgono sia modalità analogiche (es. audizioni, incontri, workshop) che digitali (sistema di consultazione on-line, social media, ecc.)
  79. 79. La gestione del processo Fase 8: Risultati delle consultazioni Raccolta delle osservazioni dagli incontri e dalle consultazioni on line utili per la stesura dell’Agenda Digitale e del Piano attuativo assieme agli esperti scelti. In questa fase vanno discussi anche gli indicatori da adottare per valutare le azioni inserite nel piano di attuazione.
  80. 80. La gestione del processo Fase 9: Provvedimento politico di impegno Si pubblica l’Agenda con le sue strategie e con gli impegni (PIANO ATTUAZIONE CON LE AZIONI CANTIERABILI) , indicando anche le fonti di finanziamento. Questo è un atto ufficiale, delibera, determina, ecc. Nel documento vanno inseriti anche gli INDICATORI PER LA VALUTAZIONE INTERMEDIA E FINALE.
  81. 81. La gestione del processo Fase 10: Osservatorio dell’Agenda Valutare con gli indicatori di quantità e qualità (già definiti in sede di approvazione del piano e delle azioni) i progressi ed eventualmente richiedere revisioni del piano. Non della strategia. La strategia può cambiare al mutare delle situazioni sociali, economiche e/o politiche, ma per cambiare strategia è necessario un provvedimento politico di riforma dell’Agenda. L’Agenda Digitale è dunque un documento aperto #workinprogress
  82. 82. Strategia di Lisbona per l’EU 2000-2010: http://www.strategiadilisbonalazio.it/ Strategia Europa 20-20: http://ec.europa.eu/europe2020/europe-2020-in-a-nutshell/targets/index_it.htm/ Agenda Digitale Europea: http://ec.europa.eu/digital-agenda/ Consultazione ADI: http://adi.ideascale.com/ Digital Agenda Scoreboard: http://ec.europa.eu/digital-agenda/en/digital-agenda-scoreboard/ Agid su AD: http://www.agid.gov.it/agenda-digitale/agenda-digitale-italiana Formez su AD: http://europa.formez.it/category/tag/agenda-digitale/ Piano Banda Ultra Larga: http://www.agid.gov.it/sites/default/files/documenti_indirizzo/strategia_bul_nov._2014.pdf Piano Crescita Digitale: http://www.agid.gov.it/sites/default/files/documenti_indirizzo/crescita_digitale_nov_2014.pdf Conferenza Regioni documento Crescita: http://www.agid.gov.it/sites/default/files/documenti_indirizzo/contributo-delle-regioni-per-agenda- digitale-2014-2020.pdf Cisis documento Agire Regioni: http://www.agid.gov.it/sites/default/files/documenti_indirizzo/20140715_agire_le_agende_digitali_per_la _crescita_v1.0-2.pdf Osservatorio Senato: http://www.osservatori.net/agenda_digitale Twitter: https://twitter.com/DigitalAgendaEU Link utili
  83. 83. Raccolta Documenti e magazine specializzati http://www.calameo.com/accounts/4277038 Magazine specializzati: http://www.agendadigitale.eu/ http://www.pionero.it http://portal.forumpa.it/
  84. 84. GRAZIE @webeconoscenza

×