Se ha denunciado esta presentación.
Utilizamos tu perfil de LinkedIn y tus datos de actividad para personalizar los anuncios y mostrarte publicidad más relevante. Puedes cambiar tus preferencias de publicidad en cualquier momento.
Milano: nasce la “Scuola di comunicazione in
sanità”
Pubblicato il 2 marzo 2017
“Dieci incontri, 10 proposte per aggiornar...
Milano nasce la “scuola di comunicazione in sanità”
Próxima SlideShare
Cargando en…5
×

Milano nasce la “scuola di comunicazione in sanità”

56 visualizaciones

Publicado el

Milano nasce la “scuola di comunicazione in sanità”

Publicado en: Salud y medicina
  • Sé el primero en comentar

  • Sé el primero en recomendar esto

Milano nasce la “scuola di comunicazione in sanità”

  1. 1. Milano: nasce la “Scuola di comunicazione in sanità” Pubblicato il 2 marzo 2017 “Dieci incontri, 10 proposte per aggiornare, integrare, innovare il rapporto medico-paziente, soprattutto avviare una pratica di comunicazione e di ascolto che non si impara all’università. E’ la ‘Scuola di comunicazione in sanità”, promossa da un comitato composto dall’Ordine dei Medici e Odontoiatri di Milano, da ASST Rhodense, Associazione Italiana Giornalismo Responsabile, Associazione Lampada di Aladino. Gli incontri, di circa 3 ore ciascuno, si terranno dal 15 marzo a novembre 2017 nell’aula V.Capacchione presso il Presidio Ospedaliero di Rho. Toccheranno varie tematiche sul rapporto medico-paziente come ‘Le patologie della globalizzazione’, ‘Dottor web: il paziente arriva già informato’, ‘Il dialogo medico-paziente nelle cure di fine vita’, ‘Il consenso informato’, ‘Dal curarsi al prendersi cura’, e altre, senza trascurare il problema del paziente bambino. “Sono tutti corsi accreditati ECM – precisa Roberto Carlo Rossi, presidente dell’Ordine dei Medici e Odontoiatri (OMCEO) di Milano -. Da ogni corso scaturirà una proposta risolutiva da trasmettere agli organi competenti e verrà pubblicizzata alla stampa. Ne scaturirà una sorta di ‘Decalogo della buona sanità in pillole’. E sarà un’iniziativa che contiamo non solo di replicare nei prossimi anni, ma anche di esportare in altre realtà”. L’assessore regionale lombardo al Welfare, Giulio Gallera, oggi alla presentazione dell’iniziativa, ha assicurato l’appoggio della Regione Lombardia e chiesto che alla sua conclusione ci sia un incontro Ordine-Regione “che diventi atto formale per costruire linee guida comuni e arrivare a un modello applicativo da proporre a tutti i medici”.

×